Assicurativo 2.0    Store    Segnala    Dizionario    G.U.    Giurisprudenza    Rassegna Enti   
invio comunicati a info@assicurativo.it facebook twitter telegram mail    

 

Auto 2007-02-28 - Pdf - Stampa

Disposizioni in materia di conseguenze derivanti da incidenti stradali - Legge 21 febbraio 2006, n. 102

Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 64 del 17 marzo 2006 Fonte: parlamento

 

Passi evidenziati:

  • Art. 1.(modifiche all’articolo 222 del decreto
  • Art. 2.(elevazione delle pene edittali per i reati di
  • Art. 3.(disposizioni processuali)
  • Data del giudizio)
  • Art. 5.(liquidazione anticipata di somme in caso di i
  • &

     


    Art. 1.(Modifiche all’articolo 222 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285)


        1. Il comma 2 dell’articolo 222 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, è sostituito dai seguenti:


        «2. Quando dal fatto derivi una lesione personale colposa la sospensione della patente è da quindici giorni a tre mesi. Quando dal fatto derivi una lesione personale colposa grave o gravissima la sospensione della patente è fino a due anni. Nel caso di omicidio colposo la sospensione è fino a quattro anni.


        2-bis. La sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente fino a quattro anni è diminuita fino a un terzo nel caso di applicazione della pena ai sensi degli articoli 444 e seguenti del codice di procedura penale».


    Art. 2.(Elevazione delle pene edittali per i reati di omicidio colposo e di lesioni colpose gravi e gravissime)

        1. Il secondo comma dell’articolo 589 del codice penale è sostituito dal seguente:


        «Se il fatto è commesso con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena è della reclusione da due a cinque anni».

        2. Il terzo comma dell’articolo 590 del codice penale è sostituito dal seguente:

        «Se i fatti di cui al secondo comma sono commessi con violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale o di quelle per la prevenzione degli infortuni sul lavoro la pena per le lesioni gravi è della reclusione da tre mesi a un anno o della multa da euro 500 a euro 2.000 e la pena per le lesioni gravissime è della reclusione da uno a tre anni».



    Art. 3.(Disposizioni processuali)


        1. Alle cause relative al risarcimento dei danni per morte o lesioni, conseguenti ad incidenti stradali, si applicano le norme processuali di cui al libro II, titolo IV, capo I del codice di procedura civile.



    Art. 4.(Abbreviazione dei termini per le indagini preliminari e per la fissazione della
    data del giudizio)


        1. Dopo il comma 2-bis dell’articolo 406 del codice di procedura penale è inserito il seguente:


        «2-ter. Qualora si proceda per i reati di cui agli articoli 589, secondo comma, e 590, terzo comma, del codice penale, la proroga di cui al comma 1 può essere concessa per non più di una volta».

        2. All’articolo 416 del codice di procedura penale è aggiunto, in fine, il seguente comma:

        «2-bis. Qualora si proceda per il reato di cui all’articolo 589, secondo comma, del codice penale, la richiesta di rinvio a giudizio del pubblico ministero deve essere depositata entro trenta giorni dalla chiusura delle indagini preliminari».

        3. Dopo il comma 3 dell’articolo 429 del codice di procedura penale è inserito il seguente:

        «3-bis. Qualora si proceda per il reato di cui all’articolo 589, secondo comma, del codice penale, il termine di cui al comma 3 non può essere superiore a sessanta giorni».

        4. Dopo il comma 1 dell’articolo 552 del codice di procedura penale sono inseriti i seguenti:

        «1-bis. Qualora si proceda per taluni dei reati previsti dall’articolo 590, terzo comma, del codice penale, il decreto di citazione a giudizio deve essere emesso entro trenta giorni dalla chiusura delle indagini preliminari.


        1-ter. Qualora si proceda per taluni dei reati previsti dall’articolo 590, terzo comma, del codice penale, la data di comparizione di cui al comma 1, lettera d), è fissata non oltre novanta giorni dalla emissione del decreto».


    Art. 5.(Liquidazione anticipata di somme in caso di incidenti stradali)


        1. All’articolo 24 della legge 24 dicembre 1969, n. 990, è aggiunto, in fine, il seguente comma:


        «Qualora gli aventi diritto non si trovino nello stato di bisogno di cui al primo comma, il giudice civile o penale, su richiesta del danneggiato, sentite le parti, qualora da un sommario accertamento risultino gravi elementi di responsabilità a carico del conducente, con ordinanza immediatamente esecutiva provvede all’assegnazione, a carico di una o più delle parti civilmente responsabili, di una provvisionale pari ad una percentuale variabile tra il 30 e il 50 per cento della presumibile entità del risarcimento che sarà liquidato con sentenza».


    Art. 6.(Obblighi del condannato)

        1. Dopo l’articolo 224 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, e successive modificazioni, è inserito il seguente:


        «Art. 224-bis. - (Obblighi del condannato). – 1. Nel pronunciare sentenza di condanna alla pena della reclusione per un delitto colposo commesso con violazione delle norme del presente codice, il giudice può disporre altresì la sanzione amministrativa accessoria del lavoro di pubblica utilità consistente nella prestazione di attività non retribuita in favore della collettività da svolgere presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato.


        2. Il lavoro di pubblica utilità non può essere inferiore a un mese nè superiore a sei mesi. In caso di recidiva, ai sensi dell’articolo 99, secondo comma, del codice penale, il lavoro di pubblica utilità non può essere inferiore a tre mesi.

        3. Le modalità di svolgimento del lavoro di pubblica utilità sono determinate dal Ministro della giustizia con proprio decreto d’intesa con la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281.

        4. L’attività è svolta nell’ambito della provincia in cui risiede il condannato e comporta la prestazione di non più di sei ore di lavoro settimanale da svolgere con modalità e tempi che non pregiudichino le esigenze di lavoro, di studio, di famiglia e di salute del condannato. Tuttavia, se il condannato lo richiede, il giudice può ammetterlo a svolgere il lavoro di pubblica utilità per un tempo superiore alle sei ore settimanali.

        5. La durata giornaliera della prestazione non può comunque oltrepassare le otto ore.

        6. In caso di violazione degli obblighi di cui al presente articolo si applicano le disposizioni di cui all’articolo 56 del decreto legislativo 28 agosto 2000, n. 274».


    Non perdere gli aggiornamenti via Telegram o via email:

    Email: (gratis Info privacy)




    2007-02-28 Chi: Spataro Fonte: parlamento

    Auto - Indice: 1. La scatola nera della regione Lombardia: sconti sulla base dello stile di guida ecologico. 2. Dispositivi antiabbandono da oggi obbligatori 3. Arriva l'assicurazione disegnata attorno al tuo stile di guida. 4. Sportello telematico dell’automobilista: l’Autorità chiede maggiori garanzie 5. L'Europa annuncia: le auto saranno piu' smart, autonome e tracciate da scatole nere 6. Finanziamenti e acquisto auto: e' cartello 7. L'auto controllerà se abbiamo bevuto guardandoci in faccia 8. Assicurazione obbligatoria e auto messa comunque in circolazione 9. RPA: OLTRE LA ROBOTIC PROCESS AUTOMATION, VERSO L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE 10. Droni killer con la IA. E le auto a guida automatica ? - Torna alle guide




    Argomenti:



    eventi sponsorizzati:



    Novità:

    Strisce pedonali ed educazione stradale, dal Canada alla Cina La scatola nera della regione Lombardia: sconti sulla base dello stile di guida ecologico. Danno alla salute e quantificazione come sinistro stradale: Cassazione civile III civile n. 28986 del 2019 Scatola nera e riduzione dei premi delle polizze assicurative Dispositivi antiabbandono da oggi obbligatori Sinistri in bicicletta: BikeItalia, Submarine Istat: la mappe del pericolo Non solo diritto: per cinque sere in compagnia del paradiso Privacy: titolare o responsabile ? Cassazione su Pedone e esclusione della responsabilità del conducente










    Indice:
    Documenti
    - Banca dati
    - Codice assicurazioni
    - Commenti
    - Dizionario
    - Gazzetta assicurativa
    - Giurisprudenza
    - Legislazione
    - Regolamento
    - Video
    Danno non patrimoniale
    - Calcolo non patrimoniale

    Danno Biologico
    - Calcolo danno biologico
    - Danno biologico
    - Sentenze
    - Norme

    Danno Esistenziale
    - Danno esistenziale
    - Sentenze
    - Norme

    Tabelle
    - Tabella di Milano (2011)
    - Tabella danno biologico Roma 2007
    - Tabella di Firenze (2007)
    - Tabella punti Micropermanenti
    - Tabella Inail
    - Tabella invalidità micropermanenti
    - Tabella in formato.xls
    - Allegati in formato testo
    - Tabella Inail
    Indennizzo Diretto
    - Controlla i risarcimenti !
    - News
    - Faq

    Rca
    - Notizie
    - Sentenze
    - Norme

    Altri
    - Convegni
    - Calcolo di danno biologico
    - Software calcolo danno biologico
    - Newsletter
    - Mondo auto
    - Software


    I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl, cc nc sa - Documenti non ufficiali - P.IVA: 04446030969 - About - Map - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - Logo - In