Assicurativo 2.0    Store    Segnala    Dizionario    G.U.    Giurisprudenza    Rassegna Enti   
invio comunicati a info@assicurativo.it facebook twitter telegram mail    

 

Articolo - Pdf - Stampa

COMUNICATO STAMPA ANIA

R.C. Auto: l’applicazione del diritto è una garanzia per tutti. I veri problemi: sicurezza stradale e costi dei risarcimenti

Fonte: Ania

 

C

COMUNICATO STAMPA ANIA

R.C. Auto: l’applicazione del diritto è una garanzia per tutti. I veri problemi: sicurezza stradale e costi dei risarcimenti

Milano, 11 febbraio 2003 – Il provvedimento varato venerdì scorso dal Consiglio dei Ministri in merito ai ricorsi al giudice di pace non toglie diritti ai consumatori, ma sana una evidente asimmetria nell’ordinamento derivante dal fatto che il giudizio secondo equità trova il suo presupposto nella esiguità delle somme delle vertenze, che

però deve essere tale per entrambe le parti in causa. Così non è nel caso dei contratti di massa, dove a fronte di richieste individuali anche inferiori a 1.100 euro, le imprese rischiano svariati miliardi di euro.

Con il provvedimento varato dal governo i consumatori potranno continuare a fare valere le loro richieste davanti al giudice di pace, ma la vertenza sarà giudicata secondo diritto. Il giudizio secondo equità, con la sua inappellabilità se non di fronte alla Cassazione, è una eccezione alla regola generale dei tre gradi del giudizio.

L’applicazione del diritto in una vertenza è una garanzia per tutti.

Gli assicuratori richiamano l’attenzione dell’opinione pubblica sulla comune necessità di intervenire con decisione sulle reali cause del costo dell’assicurazione rc auto, affrontando insieme i problemi di fondo. Il nemico comune è il costo dei risarcimenti, in continuo

aumento. Gli assicuratori confermano la disponibilità e l’urgenza di un confronto aperto con le istituzioni e le associazioni dei consumatori per trovare soluzioni condivise.

In questo quadro è certamente necessario poter disporre di dati obiettivi, quali possono essere prodotti da un osservatorio super partes sull'andamento reale delle tariffe e dei costi.

Occorre una lotta senza quartiere per la prevenzione degli incidenti e per contrastare le truffe. In Italia abbiamo ogni anno oltre 4 milioni di incidenti, con 900.000 feriti e 8.000 morti. In un quadro di condivisione forte degli obiettivi, gli assicuratori intendono fare la loro parte per una seria campagna di prevenzione degli incidenti stradali. Chiedono a tal fine la collaborazione delle istituzioni e delle associazioni dei consumatori.

Dal 1995 al 2001 mediamente il costo di ciascun risarcimento è aumentato dell’ 86,9 per cento, un dato che non ha alcuna relazione con il tasso di inflazione. Mentre sul fronte della frequenza degli incidenti i dati

più recenti mostrano qualche miglioramento, sia pure insufficiente, il costo unitario dei risarcimenti continua ad aumentare. Ciò è in buona parte spiegato dall’aumento della percentuale degli incidenti con danni alle persone. Tale percentuale, che era al 9,9 nel 1990, è salita

continuamente collocandosi al 14,9 nel 1996 e al 22 per cento nel 2001.

Appare del tutto immotivata la differenza rispetto agli altri paesi europei. Secondo gli ultimi dati disponibili gli incidenti con danni alle persone risultano essere all’11% in Germania, 10% in Francia, 8,3% in Gran Bretagna e al 6% in Spagna. E’ dunque evidente che occorre intervenire con decisione nella lotta sia alle truffe vere e proprie sia ai piccoli artifici ai danni delle compagnie. Basti pensare che le sole azioni svolte dall’ANIA hanno portato a oltre 20.000 persone indagate

negli ultimi due anni.


Non perdere gli aggiornamenti via Telegram o via email:

Email: (gratis Info privacy)




Chi: Ania Fonte: Ania

Articolo - Indice: 1. Rivalsa e diritto di regresso 2. Assicurazione degli sportivi dilettanti 3. Assicurazioni e prodotti finanziaria via internet: nuove regole 4. Assicurazioni: ad ognuna il suo sito 5. Assicurazioni e internet: no alle truffe. 6. L’azione di risarcimento nel nuovo codice delle assicurazioni [*] 7. Cassazione 10311 del 2006 a sezioni unite sul valore del cid e la prova contraria * 8. Disposizioni in materia di conseguenze derivanti da incidenti stradali LEGGE 21 febbraio 2006, n.102 9. Indennizzo diretto 10. Risponde anche la Sim del promotore - Torna alle guide




Argomenti:



eventi sponsorizzati:



Novità:

Assicurazione obbligatoria e mancata partecipazione in causa dell'assicurazione La gestione del rischio assicurativo nell'arte Sorpasso pericoloso, concorso di colpa, imprevedibilità e visibilità limitata Cassazione: la rinuncia della rivalsa in caso di ebbrezza puo' essere prevista da una polizza super Arriva l'assicurazione disegnata attorno al tuo stile di guida. 15 Ottobre a Milano: IT's Crm Contact Center A Ottobre a Milano IT'S ALL CIO and TECHNOLOGY Cattolica assicuraaioni e Soliditas per la responsabilità sociale d’impresa e la sostenibilità Scatola nera e il valore della prova secondo la sentenza n. 1392/2019 del Giudice di Pace di Sorrento










Indice:
Documenti
- Banca dati
- Codice assicurazioni
- Commenti
- Dizionario
- Gazzetta assicurativa
- Giurisprudenza
- Legislazione
- Regolamento
- Video
Danno non patrimoniale
- Calcolo non patrimoniale

Danno Biologico
- Calcolo danno biologico
- Danno biologico
- Sentenze
- Norme

Danno Esistenziale
- Danno esistenziale
- Sentenze
- Norme

Tabelle
- Tabella di Milano (2011)
- Tabella danno biologico Roma 2007
- Tabella di Firenze (2007)
- Tabella punti Micropermanenti
- Tabella Inail
- Tabella invalidità micropermanenti
- Tabella in formato.xls
- Allegati in formato testo
- Tabella Inail
Indennizzo Diretto
- Controlla i risarcimenti !
- News
- Faq

Rca
- Notizie
- Sentenze
- Norme

Altri
- Convegni
- Calcolo di danno biologico
- Software calcolo danno biologico
- Newsletter
- Mondo auto
- Software


I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl, cc nc sa - Documenti non ufficiali - P.IVA: 04446030969 - About - Map - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - Logo - In