Assicurativo 2.0    Store    Segnala    Dizionario    G.U.    Giurisprudenza    Rassegna Enti   
invio comunicati a info@assicurativo.it facebook twitter telegram mail    

 

Prescrizione 2010-04-06 - Pdf - Stampa

La decorrenza della prescrizione dell'azione di risarcimento: Cassazione 6479/2010

Cassazione Sez. Terza - Sent. del 17.03.2010, n. 6479 Fonte: Cassazione

 

Passi evidenziati:

  • Primo
  • Terzo
  • se ne deduce, dunque, che nel caso in esame si &egra
  • è, pertanto, da tale data che deve ritenersi d
  • In fatto e diritto

    A. Maria con citazione 13.2.1990 conveniva dinanzi al Tribunale di Reggio Calabria la M. Assicurazioni spa per sentirla condannare all’indennizzo dei danni subiti dall’appartamento di sua proprietà sito alla Via (…) di S. Elia di Montebello Ionico. Deduceva di avere stipulato con la società convenuta in data 16.11.1987 una polizza “globale” di assicurazione contro i danni che avessero riguardato il detto immobile; che, quattro giorni dopo, il 20.11.87, questo aveva subito gravi danni per infiltrazioni d’acqua provocate dal trasudamento del terreno; che la richiesta di risarcimento, tempestivamente inoltrata, non aveva ottenuto esito alcuno. Costituitasi in giudizio, la Compagnia assicuratrice eccepiva la prescrizione del diritto al risarcimento invocato dall’attrice e contestava la domanda nel merito.

    Il Tribunale con sentenza in data 14.5.1997 accoglieva l’eccezione di prescrizione. Impugnata la decisione dalle parti, la Corte d’appello di Reggio Calabria con sentenza del 24.5.2005 rigettava l’appello della A. e accoglieva l’appello incidentale della Assicurazione in ordine alla rifusione delle spese di primo grado.

    Avverso detta sentenza A. Maria ha proposto ricorso per cassazione affidato a quattro motivi. Ha resistito con controricorso la N. Assicurazioni spa (già M. Assicurazioni spa), che ha anche depositato memoria.

    Ciò posto, nel primo motivo la ricorrente denuncia violazione e/o falsa applicazione degli artt. 2935 e 2952 c.c. ed omessa motivazione in relazione all’efficacia sospensiva della prescrizione. Adduce che erroneamente la Corte d’appello di Reggio Calabria non abbia ritenuto che nella specie il termine per la prescrizione iniziava a decorrere solo dal 14.4.1989, data della missiva con la quale la M. Ass.ni, nelle more della fase arbitrale, comunicava alla A. di non ritenere indennizzabile il danno da questa subito.

    Nel secondo motivo denuncia la ricorrente vizi della motivazione in ordine alla omessa valutazione dell’atto di nomina del proprio arbitro ai fini della sospensione della prescrizione. Nel terzo motivo deduce, ai sensi dell’art. 360 n. 5 c.p.c., la mancata considerazione di alcune circostanze, rilevanti ai fini della decisione, quali la fase arbitrale espletata e la missiva datata 14.4.1989.

    I tre motivi, di cui si unifica l’esame essendo tra loro in stretta correlazione, sono fondati nei sensi di seguito esposti. Come da indirizzo di questa Corte, infatti, in tema di assicurazione contro i danni, salvo che l’assicuratore abbia contestato l’operatività della garanzia, la prescrizione del diritto dell’assicurato all’indennità decorre dalla data in cui il diritto stesso può essere esercitato, e cioè dal momento del verificarsi del fatto, ovvero, quando le parti abbiano previsto lo svolgimento di una perizia contrattuale per la quantificazione del danno, dal momento della conclusione di tale procedura (Cass. n. 14487/2004).

    Orbene si espone nel ricorso e questo non risulta contestato che, “nel mentre si era ancora in attesa di conoscere la valutazione del danno da parte dell’arbitro nominato dalla M. , con missiva datata 14.4.1989 la predetta Compagnia di assicurazioni comunicava alla odierna ricorrente che «alla luce dell’elaborato peritale e del verbale del sopralluogo fatto dai periti e regolarmente firmato per approvazione, emerge che il danno non è indennizzabile in quanto non rientra nelle garanzie prestate dalla polizza»”.

    Se ne deduce, dunque, che nel caso in esame si è dato luogo a perizia contrattuale volta alla quantificazione del danno, derivandone, peraltro, che la contestazione dell’operatività della garanzia si è avuta con quanto la M. comunicava alla A. con la missiva 14.4.1989 “alla luce dell’elaborato peritale”.

    È, pertanto, da tale data che deve ritenersi decorrere il momento dal quale l’assicurata poteva esercitare il diritto all’indennità, sicché, avendo l’odierna ricorrente azionato tale diritto con atto di citazione notificato in data 13.2.1990, il diritto stesso a questa data non si era prescritto.

    Gli esposti motivi vanno pertanto accolti, restando assorbito il quarto motivo per difetto di motivazione in ordine alla condanna alle spese di entrambi i gradi di giudizio. Di conseguenza la sentenza impugnata va cassata in relazione ai primi tre motivi accolti, restando assorbito il quarto motivo, con rinvio, per nuovo esame, alla Corte d’appello di Reggio Calabria in altra composizione, che provvederà anche sulla regolamentazione delle spese di questo giudizio.

    P.Q.M. La Corte accoglie i primi tre motivi del ricorso e dichiara assorbito il quarto; cassa e rinvia, anche per le spese del giudizio di Cassazione, alla Corte di Appello di Reggio Calabria in diversa composizione. Depositata in Cancelleria il 17.03.2010


     

     


    Non perdere gli aggiornamenti via Telegram o via email:

    Email: (gratis Info privacy)




    2010-04-06 Chi: Spataro Fonte: Cassazione

    Prescrizione - Indice: 1. Sulle polizze assicurative e condizioni contrattuali che impongono la perizia medica 2. Danno biologico e molto altro: Cassazione III civile del 17-11-2011 n. 24082 3. Cassazione III civile ordinanza 20111 del 23.09.2010. 4. Cassazione 1687 del 2010: la visita del medico legale non interrompe la prescrizione 5. Prescrizione e querela: Cassazione 27337 dep 18.11.2008 6. Portato a due anni la prescrizione dei diritti da contratto di assicurazione 7. Trento La decorrenza della prescrizione nella responsabilitā civile: problemi attuali e aspetti comparatistici - Torna alle guide




    Argomenti:



    eventi sponsorizzati:



    Novitā:

    Strisce pedonali ed educazione stradale, dal Canada alla Cina La scatola nera della regione Lombardia: sconti sulla base dello stile di guida ecologico. Danno alla salute e quantificazione come sinistro stradale: Cassazione civile III civile n. 28986 del 2019 Scatola nera e riduzione dei premi delle polizze assicurative Dispositivi antiabbandono da oggi obbligatori Sinistri in bicicletta: BikeItalia, Submarine Istat: la mappe del pericolo Non solo diritto: per cinque sere in compagnia del paradiso Privacy: titolare o responsabile ? Cassazione su Pedone e esclusione della responsabilitā del conducente










    Indice:
    Documenti
    - Banca dati
    - Codice assicurazioni
    - Commenti
    - Dizionario
    - Gazzetta assicurativa
    - Giurisprudenza
    - Legislazione
    - Regolamento
    - Video
    Danno non patrimoniale
    - Calcolo non patrimoniale

    Danno Biologico
    - Calcolo danno biologico
    - Danno biologico
    - Sentenze
    - Norme

    Danno Esistenziale
    - Danno esistenziale
    - Sentenze
    - Norme

    Tabelle
    - Tabella di Milano (2011)
    - Tabella danno biologico Roma 2007
    - Tabella di Firenze (2007)
    - Tabella punti Micropermanenti
    - Tabella Inail
    - Tabella invalidità micropermanenti
    - Tabella in formato.xls
    - Allegati in formato testo
    - Tabella Inail
    Indennizzo Diretto
    - Controlla i risarcimenti !
    - News
    - Faq

    Rca
    - Notizie
    - Sentenze
    - Norme

    Altri
    - Convegni
    - Calcolo di danno biologico
    - Software calcolo danno biologico
    - Newsletter
    - Mondo auto
    - Software


    I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl, cc nc sa - Documenti non ufficiali - P.IVA: 04446030969 - About - Map - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - Logo - In