Assicurativo 2.0    Store    Segnala    Dizionario    G.U.    Giurisprudenza    Rassegna Enti   
invio comunicati a info@assicurativo.it facebook twitter telegram mail    

 
Gli adempimenti privacy per la tua attività
adv iusondemand

Rca 2012-09-10 - Pdf - Stampa

L'assicurazione deve assicurare solo il proprietario. E le clausole non sono vessatorie

Cassazione III civile del 2.12.2010 - 21.1.2011 n. 1408
"il giudice, dopo avere escluso che sia legalmente imposto alla compagnia il diritto del contraente di assicurare mediante polizza a sé intestata il veicolo in proprietà altrui, è passato all'interpretazione del contratto ed ha escluso che da esso derivi per l'assicurato la pretesa vantata;" Fonte: Cassazione

 

F

Fatto e diritto

La Corte, rileva:


il M. citò in giudizio la compagnia Commerciai Union Insurance perché fosse dichiarato il suo diritto di assicurare per la R.C. auto un veicolo intestato a sua madre (che egli sosteneva da lui stesso abitualmente condotto) mediante polizza a se stesso intestata per altro veicolo di sua proprietà (e, dunque, con la medesima classe di merito); la domanda, accolta dal G.d.P. di Piedimonte Matese, è stata respinta dal Tribunale di S. Maria C.V.;


il M. propone ora ricorso per cassazione a mezzo di quattro motivi e non si difende l'intimata compagnia;


osserva, il primo motivo sostiene che la domanda non concerneva la stipula di un nuovo contratto a favore di terzo, bensì il riconoscimento del diritto di poter stipulare un contratto assicurativo anche da parte di chi non è proprietario del veicolo ma ne è solo il conducente;


il secondo motivo sostiene la violazione degli artt. 1469 bis e segg. c.c., in quanto sarebbe vessatoria per il consumatore la clausola che impedisce di assicurare mediante la medesima polizza (e la medesima classe di merito) una vettura altrui ma pur sempre in uso del conducente;


il terzo motivo censura la scorrettezza processuale della controparte;


il quarto motivo censura la sentenza nel punto in cui ha condannato l'attuale ricorrente al pagamento delle spese dei due gradi del giudizio;


i motivi, che non fanno che ripetere quanto già sostenuto nei giudizi del merito, sono infondati in quanto il giudice, dopo avere escluso che sia legalmente imposto alla compagnia il diritto del contraente di assicurare mediante polizza a sé intestata il veicolo in proprietà altrui, è passato all'interpretazione del contratto ed ha escluso che da esso derivi per l'assicurato la pretesa vantata; ha, altresì, con motivazione congrua e logica, escluso la natura vessatoria delle condizioni di contratto, sia a norma dell'art. 1341 c.c., sia a norma degli artt. 1469 bis e segg. c.c.;


quanto alla condanna alle spese dei giudizi di merito, essa è legittima conseguenza della soccombenza dell'attore;


il ricorso deve essere, pertanto, respinto, senza doversi provvedere in ordine alle spese del giudizio di cassazione, in considerazione della mancata difesa della parte intimata.


P.Q.M.

Rigetta il ricorso.




Non perdere gli aggiornamenti via Telegram o via email:

Email: (gratis Info privacy)




2012-09-10 Chi: Spataro Fonte: Cassazione

Rca - Indice: 1. Assicurazione obbligatoria e auto messa comunque in circolazione 2. Allianz: una blockchain per sul mercato captive 3. Guida: Il risarcimento del terzo trasportato in sinistro stradale v1.5 del 2019 4. La giurisprudenza sull'art. 193, Obbligo dell'assicurazione di responsabilita' civile 5. Muore per un cavo da traino usato tra due trattatori: rientra nella rca ? 6. ANIA: Tariffa unica contraria alle norme europee 7. Banca Dati dei Sinistri RCA 8. Se la RCA potesse risarcire solo in parte i danni 9. Autovelox per controllare revisioni e polizze rca 10. Antitrust: proposta di liberalizzare le assicurazioni. Ecco come nella RCA e nella rischi professionali - Torna alle guide




Argomenti:

Novità:

Il danno non patrimoniale da uccisione dei prossimi congiunti GDP di Cerignola: Inammissibile l'intervento in giudizio dell'assicuratore del danneggiato - Commento e sentenza A Verona: l’assicuratore ‘responsabile’ e le sue responsabilità. Il nuovo impianto sanzionatorio Cassazione sul risarcimento danni e inps, preventivi e onere della prova La Cassazione sul sinistro mortale, duplicazione del danno e risarcimento GdP di Cerignola e la scatola nera: si interpretino le norme secondo il principio di parita' delle parti. Verbale e sinistro: il valore di prova Indecisi nel voto ? chivoto.it per trovare ogni candidato e quello che dice La prova del sorpasso pericoloso - Ebook, Checklist e Modello










Indice:
Documenti
- Banca dati
- Codice assicurazioni
- Commenti
- Dizionario
- Gazzetta assicurativa
- Giurisprudenza
- Legislazione
- Regolamento
- Video
Danno non patrimoniale
- Calcolo non patrimoniale

Danno Biologico
- Calcolo danno biologico
- Danno biologico
- Sentenze
- Norme

Danno Esistenziale
- Danno esistenziale
- Sentenze
- Norme

Tabelle
- Tabella di Milano (2011)
- Tabella danno biologico Roma 2007
- Tabella di Firenze (2007)
- Tabella punti Micropermanenti
- Tabella Inail
- Tabella invalidità micropermanenti
- Tabella in formato.xls
- Allegati in formato testo
- Tabella Inail
Indennizzo Diretto
- Controlla i risarcimenti !
- News
- Faq

Rca
- Notizie
- Sentenze
- Norme

Altri
- Convegni
- Calcolo di danno biologico
- Software calcolo danno biologico
- Newsletter
- Mondo auto
- Software


I testi sono degli autori e di IusOnDemand srl, cc nc sa - Documenti non ufficiali - P.IVA: 04446030969 - About - Map - Privacy - Cookie - Condizioni d'uso - Logo - In